Cos’è la conoscenza?

la conoscenza

In realtà cos’è la conoscenza?

Più volte ho pensato cosa potesse essere la conoscenza, ho pensato che fosse banalmente l’intelletto, ho pensato che fosse lo studio negli anni giovanili, ho creduto che fosse una capacità di matematici o studiosi superiori.

Ho avuto timore che nei miei colloqui, e nelle mie conferenze di non essere mai all’altezza, di non essere preparato nell’argomento, che potessi cedere nelle mie tesi e nei miei dialoghi, proprio perché non fossi realmente preparato (conoscenza).

Nonostante non sapessi cosa fosse la conoscenza e con le mie preoccupazioni ho continuato a tenere seminari e colloqui.

Poi, una mattina (7.20 a.m.) a poche ore da un meeting Oriente (dove ero unico relatore)…stò salendo in auto per portare mio figlio a scuola, lui ha la sua cartella, io ho una montagna di cataloghi di viaggio (aziendali) nel baule (che non parlano d’Oriente), 2 banners di Cuba e Giamaica, ho un computer portatile che potrebbe connettersi oppure no e ho una ventina di biglietti da visita…niente altro.

Eppure dovrò parlare di Oriente, itinerari, tours, alberghi e voli più o meno economici e poi tutto ciò che conosco di Oriente.

Eppure sono qui, con il baule aperto, a -2 gradi, in giacca e cappotto e mi chiedo “Come farò”, “non ho niente con me”, “Dov’è la conoscenza? Come farò a parlare di Thailandia e di Bali e di come costruire un viaggio online?” Non lo so.

Si, non lo so. 

E poi, come all’improvviso capisco, con una certezza assoluta ed una lucidità incredibile comprendo che la conoscenza è dentro di me, E’ con me, la sento, è la mia esperienza, è come se fossi completamente consapevole che “sono sicuro”. Non è niente di più importante di ciò che conservo dentro.

Potrei anche non avere nulla con me, perché ho tutto nella mia testa. Non è più importante quanto sono elegante, con la cravatta giusta, con la location perfetta e con il bigliettino da visita luccicante e strapagato (come certi falsi manager nel settore del turismo). Quello che conta è ciò che hai nella tua mente…e ciò che vorrai comunicare agli altri, con le tue capacità e la tua positività. Non è importante quanto guadagni o chi sei.

Ecco, con queste poche cose, ho capito, che devo uscire di casa! E se qualcuno…mi correggerà o mi contraddirà non è importante, sarà un altra occasione per imparare qualcosa di nuovo.

E’ a questo punto che mi chiedo, ma quanto è importante la conoscenza. Ma soprattutto un domani quando non ci sarò più, dove andrà? dove finirà. Sarà tutto perduto?

Voi cosa ne pensate? Ci siete mai passati? e avevate già chiaro.. cos’era questa conoscenza?

Ma tu cosa ne pensi...? Avevi qualche idea in merito..