Dalla costa atlantica francese a quella basca

E’ difficile abbandonare Biarritz, ma il viaggio deve proseguire…la costa atlantica basca ci aspetta.

Prima però di attraversare il confine francese una tappa spetta alla località di Soorts-Hossegor, si trova sempre nella regione dell’Aquitania, é una delle tappe importanti per i campionati di surf, la cittadina é molto giovane e frizzante di vitalità sportiva.

degustazione di ostriche

Siamo sulla spiaggia del lago di Hossegor a degustare le ostriche direttamente da un coltivatore

Lo spettacolo più bello é il fenomeno della bassa marea del lago, oltre le dune di sabbia che lo isolano dal mare ,   dove si trovano i coltivatori di ostriche. Qui é l’occasione migliore  per assaggiarle ad un prezzo ragionevole , magari verso il tramonto, dopo una passeggiata chilometrica sulla spiaggia ad ammirare le evoluzioni sulle onde dei surfisti.dscn7533

 

La cittadina di Soorts-Hossegor dista un ora circa di strada da Biarritz, quindi  può essere la gita di un giorno!

Hossegor Billabonf surf school

Billabong surf Hossegor

Oppure si può tranquillamente proseguire con la strada statale sino al confine spagnolo ad Irun. Dopo di che in superstrada per arrivare a una meritata sosta “pranzo” a San Sebastian.
Su San Sebastian, voglio fare una piccola premessa! Personalmente non mi é piaciuta, per quanto si affacci su questa baia meravigliosa, e la spiaggia proprio di fronte alla città storica é sempre piena di giovani e famiglie ho preferito andare alla ricerca di questi famosi Pintxos  Bar, proprio per assaggiare i pintxos, delle “tartine” o “bruschette” arricchite di pesce, carne o uova e altre creme, certamente la ricercatezza e la presentazione é meravigliosa…purtroppo distinguere i sapori é molto dura! Inoltre con la scusa che per ogni bar ne riesci a mangiare 2/3 sempre accompagnate da un bicchiere di vino (molte volte incluso)…capisci che per riuscire a riempirti devi peregrinare di bar in bar!! di conseguenza il tasso alcolemico qui é sempre fuori controllo anche a pranzo….mi chiedo come facciano poi ad andare a lavorare!

pintxos

ecco il primo pintxos

San Sebastian

Il Palazzo Municipale di San Sebastian

dscn7642

Nonostante la mia impressione però se ne avete la capacità economica , San Sebastian ha la più alta concentrazione di Ristoranti Stellati Michelin di Spagna e una delle scuole di cucina più importanti d’Europa.

In questo viaggio però la destinazione finale é Bilbao, arrivarci al tramonto é la soluzione più emozionante, le facciate decorate dei palazzi storici risplendono alle luci dell’ultimo sole, é inevitabile per arrivare in centro città transitare proprio davanti al Museo Guggenheim Bilbao , vero obiettivo della mia visita!

 

Personalmente sono stato fortunato, ho trovato un appartamento privato in pieno centro storico di Bilbao, in area pedonale, gli hotels che avevo visto prima di partire non mi entusiasmavano, inoltre a parte i prezzi non c’é una gran scelta rispetto ad altre città spagnole più conosciute. L’appartamento inoltre in centro ti permette di vivere un pò la vita anche locale, di poter comperare frutta, verdura dai mercati locali, di assaggiare i salumi tipici baschi, di girare a piedi per le vie delle Siete Calles nel  centro storico, ricco di profumi serali, di passeggiare lungo il fiume Nervion che attraversa la città.Reflection Bilbao

Maman

 

In teoria andare a Bilbao per vedere il Guggenheim e non entrare a visitare le sue mostre potrebbe essere un paradosso! Ma in realtà io non sono un grande appassionato di arte moderna contemporanea ma piuttosto di architettura contemporanea non che di  Frank O. Gehry l’architetto del museo, così in un unico luogo posso vedere questa opera incredibile, il cane Puppy – la scultura floreale di Jeff Koons,   la scultura-ragno Maman, alta nove metri in acciaio di Louise Joséphine Bourgeois e a pochi passi il ponte pedonale Zubizuri di Calatrava. Museum Guggenheim Bilbao

dscn7767

Per non farmi mancare nulla ho visitato anche la Cattedrale gotica di Santiago del 14° secolo ed il mercato rionale coperto, completamente ristruttura e dedicato agli amanti della cucina e della gastronomia basca.

Da assaggiare il Vizcaina, baccalà condito con prosciutto crudo, il Gulas, anguille rosolate nell’olio con pezzetti di peperoni il tutto con il txikito, un bicchiere di vino rosso tipico. 

, Bilbao é un concentrato di storia e di modernità,  é una città rilassante per i suoi pintxos bar all’aperto e per il suo shopping sfrenato nelle arterie principali e più moderne é proprio il fulcro della cultura basca, di un popolo vivo che vedi giorno per giorno che affronta la vita sempre con il sorriso sulle labbra e con la voglia di divertirsi, di vivere la vita di una città all’aria aperta.Pintxos

Ci vorrebbero più giorni ma il mare dista pochi chilometri e la voglia di assaggiare il baccalà e le aragoste atlantiche mi porta a Castro Urdiales, un piccolo paese di mare nella regione della Cantabria, patria delle acciughe.

Castro Urdiales
Questo é proprio il luogo dove bisogna dimenticarsi del tempo che passa, non bisogna avere fretta, due passi a visitare la “piccola cattedrale”, una salita al faro, scambiare due chiacchere e molto linguaggio dei gesti con qualche pescatore che mentre bevo il mio primo caffé della mattina lui stà facendo il suo terzo aperitivo con vino bianco e pintxos di baccalà..

Altra vita….!

VADEMECUM:

Bilbao: http://www.bilbao.it/

Dormire: https://www.airbnb.it/s/Bilbao

Mangiare: Cafè Iruña http://www.cafeirunabilbao.net/

Ma tu cosa ne pensi...? Avevi qualche idea in merito..